Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

e poi ieri son stata anche in cimitero, dopo un sacco di tempo, che anzi praticamente non c’ero mai più andata. Il fatto è che … uhm, come dire, io lì non c’ho nessuno. Cioè, insomma, lo so che non è lì, lo so che non c’è più e basta, ero lì per, boh, per dovere sociale? e m’è venuto subito da stupire a guardare gli altri, quelli che s’impegnano a sistemare fiori, a strappare erbacce chi c’ha il pezzettino di terra, quelli che lavano i pavimenti chi sta nel colombaio. Ma con curiosità, mica altro, e stupore positivo, direi, che è un posto normale un cimitero quando non c’è nuovi arrivi, quasi una piazza, con la gente che circola, che va a far visita a parenti e consocenti, gente che s’incontra e parla, parla dei morti, tanto, ma anche no, trattiene lacrime ma anche ride. E quindi giravo incuriosita, seguivo mamma e zia tutto sommato volentieri, ascoltavo i discorsi con i conoscenti, osservavo cambiar fiori e cambiar acqua. No, l’idea che sia lì, l’idea di andar lì a ricordarlo non m’è mai venuta, e forse è starno ma non ho neanche invidia, per loro che vanno lì e fanno qualcosa per …, sistemano, lavano, meditano, pregano. Dev’essere anche che davvero con babbo no, c’era nulla in sospeso. Dico, saran decenni che non lo idealizzavo. Non ci ha fatto mancare nulla, ma insomma, beh, non è che ci sia sempre stato. E’ crollato quando, forse, non doveva crollare, è stato onesto con l’ambizione di esser furbo, ha cercato a volte di fregare ed è stato fregato, non sempre è stato dalla nostra parte ma alla fine c’è sempre stato. Era quello che s’incazzava sempre quando rischiavo qualcosa per un amico, fatti i fatti tuoi diceva, ma era pur quello che s’era buttato sotto una macchina per salvare un bambino, era quello che se gli chiedevi di cambiare una lampadina rinviava per mesi, ma era pur quello che aveva afferrato la bombola del gas in fiamme per buttarla fuori di casa. Insomma, era uno che consigliava un po’ peggio di come agiva, era uno che non ci potevi contare sempre, non per le cazzate, no, ma aveva i suoi slanci. Oh beh, si, è mancato anche quando doveva esserci, si, lo so bene. Era uno che se m’avesse sempre cambiato le spine e aggiustato la radio, forse non mi sarei mai decisa a far da me e non avrei mai imparato ad arrangiarmi un po’ a far tutto.

e insomma, anche questa era una bozza, di metà maggio, e ora faccio pulizie e non è conclusa ma non mi va di buttarla e quindi amen, resta incompiuta. Come tutto il resto, comunque.

Read Full Post »

Qual è la religione giusta per te? (translated version for Italian users)
created with QuizFarm.com
You scored as Agnosticismo

Il tuo risultato è… agnostico.
Sei un agnostico. Sebbene è generalmente riconosciuto che gli agnostici non credono nell’estistenza di Dio nè nella sua non esistenza, è possibile per un agnostico essere anche deista o ateo. In realtà gli agnostici non conoscono nè pretendono di sapere se Dio esiste o no, ma possono ammettere che qualcun’altro lo sappia. Un agnostico intellettualmente onesto si schiererebbe su questa posizione, dato che non ha più prove per giustificare l’impossibilità di conoscere Dio di quante ne abbia della sua esistenza.

Agnosticismo

100%

Ateismo

75%

Satanismo

65%

Paganesimo

60%

Induismo

40%

Buddismo

40%

Islam

35%

Paranormale

35%

Ebraismo

30%

Cristianesimo

20%

Confucianesimo

10%

Read Full Post »

O_o

appaiono e scompaiono commenti e post… /me perplessa

Read Full Post »

da leggere

Segnalati da Ariel, l’appello degli ebrei contro l’occupazione, per chiedere la fine dell’assedio di Gaza e la ripresa dei negoziati, e un articolo tratto da Haaretz, in cui si parla di un documentario realizzato con interviste a sei soldatesse che hanno prestato servizio militare nei territori occupati e hanno deciso di rompere il silenzio.

Read Full Post »

 campagne

Read Full Post »

Decisamente non capisco più. Ricordo, ma non capisco più. Mi diceva che lui sta male e non risponde al telefono e che dice che non ha voglia di parlare e vuole stare solo e boh ha problemi che non esistono dimmi tu che problemi può avere cosa posso fare io, e non sapevo proprio che dire. Non è come l’anno scorso che lo capivo pure ma pensavo si certo ma mica mi metto a raccontare a te i miei problemi che non esistono e a dirti che nulla, puoi fare nulla, forse nemmeno chiamarlo perchè poi chissà se a chiamarlo è contento oppure no, magari è pure peggio io mica lo capisco come ormai è evidente, però adesso nemmeno lo so più bene, lo ricordo ma non lo so più. E allora, ecco, quello che capivo ieri è che ho fatto bene a tacere, ai tempi miei, si può solo tacere quando stai così, avrei dovuto continuare, che cazzo di idee di dire in giro che stai male soprattutto di dirlo a chi magari ci sta male, e cazzo di idee di parlare, come se non fosse chiaro che non avrebbe potuto nulla, che non avrebbe nemmeno potuto capire tanto meno far nulla, lo capii a sedici anni possibile che non lo capisca a ventinove, vabbè che io avevo il bimbo a cui pensare e lui no, vabbè che ho sbagliato a trentaquattro ma insomma mica c’erano di mezzo bimbi nè mamme, bisognerebbe tener conto che le mamme in genere e questa in particolare non possono capire e nemmeno sopportare, e poi davvero, quando si hanno problemi che non esistono di che minchia parli che tanto come non esiste il problema non esiste nemmeno la soluzione e se vuoi cercarla lo stesso vabbè è inutile ma almeno ci passi il tempo meglio che col cubo di rubik, ma chiederla ad altri oltrechè inutile è pure un po’ stronzo, e amen.

Read Full Post »

Mah, se lo dice lui

You are The Wheel of Fortune

Good fortune and happiness but sometimes a species of
intoxication with success

The Wheel of Fortune is all about big things, luck, change, fortune. Almost always good fortune. You are lucky in all things that you do and happy with the things that come to you. Be careful that success does not go to your head however. Sometimes luck can change.

What Tarot Card are You?
Take the Test to Find Out.

Read Full Post »

Older Posts »